bethechangeitalian

Resistiamo all’Estremismo

Radicalizzazione, estremismo, polarizzazione. Cosa ti viene in mente quando leggi queste parole? Sai individuare l'estremismo? Se è così, sei abbastanza coraggioso da sfidare le sue narrative? Con Do One Brave Thing, puoi imparare a identificare i segnali di pericolo e contrastare l'estremismo quando lo vedi, con una particolare attenzione alla radicalizzazione tra amici, colleghi, familiari e nella comunità che ti circonda nella vita di tutti i giorni. Puoi farlo anche tu, puoi fare la differenza. Sii il cambiamento!

Prospettive e contesto (video)

Nel video, lo youtuber, blogger e attivista LGBTQ + ungherese Olivér Pusztai parla delle sue esperienze con radicalizzazione, incitamento all’odio e bullismo online e offline. Spiega perché pensa che questi fenomeni debbano essere messi in discussione e come combatte i pregiudizi cercando di formare il modo di pensare delle persone sulla comunità LGBTQ+.

Combattere l'odio con Oliver Pusztai

Radicalizzazione: che cos'è? Prevenire, anticipare, reagire!

Ecco la storia di Przemysław Witkowski, un giornalista e accademico che è stato brutalmente picchiato da un estremista di destra nel luglio 2019 a Wroclaw. Il giornalista ha reagito ai simboli neonazisti e alle iscrizioni xenofobe sul muro nel centro della città. La sua reazione alla violazione della legge nello spazio pubblico è stata accolta con violenza da un aggressore estremista. Przemek racconta la sua storia, parla di ciò che gli è successo e delle conseguenze psicofisiche dell’incidente. Inoltre, cerca di raccogliere le idee riguardo ciò che la violenza ideologica e la radicalizzazione che portano all’estremismo significano per lui. Jacek Purski dell’Istituto di sicurezza sociale spiega il processo di radicalizzazione e l’impatto che ha sulla nostra sicurezza quotidiana. Jacek Mazurczak (Istituto per la sicurezza sociale) parla dell’importanza della cooperazione multisettoriale per prevenire e contrastare la radicalizzazione in Polonia. Il film è stato girato come parte del progetto DO ONE BRAVE THING.

Nel video, il conduttore radiofonico rumeno Ionuț Bodonea racconta il suo approcco alla radicalizzazione e sui discorsi di odio e come si è reso conto che questi fenomeni devono essere messi in discussione. Parla anche di come lui e i suoi colleghi si approcciano alle idee radicali pur consentendo la libertà di espressione all’interno del loro programma radiofonico. Incoraggia gli spettatori ad essere selettivi con le informazioni e a prendere posizione contro la radicalizzazione e i discorsi di odio.

A proposito di odio, con Ionuț Bodonea

Quando l'odio arriva in città

Dialogo estremo

Capire la radicalizzazione e sensibilizzare

Perché le narrative estremiste violente sono virali?

La mia discesa nel movimento neo-nazista americano e come ne sono uscito

Dialogo estremo

Prospettive e contesto (articoli)

Cogliere le avvisaglie

GUIDA UTILE: puoi identificare e sostenere qualcuno che può dimostrarsi vulnerabile alla propaganda estremista o terrorista. Ecco alcuni degli elementi da tenere in considerazione.

Radicalizzazione ed estremismo violento

La radicalizzazione avviene quando il pensiero e il comportamento di una persona diventano significativamente diversi da come la maggior parte dei membri della loro società e comunità vedono le questioni sociali e partecipative. Solo un piccolo numero di persone si radicalizza, ma provenire da una vasta gamma di gruppi etnici, nazionali, politici e religiosi.

Cosa faresti se un tuo amico diventasse un estremista?

Cosa faresti se qualcuno che conosci avesse iniziato a manifestare opinioni estremiste? E se li sentissi esprimere posizioni politiche o religiose sempre più radicali? Potrebbero non essere necessariamente sostenitori della violenza o scaricare istruzioni di fabbricazione di bombe sul loro smartphone, ma cosa accadrebbe se iniziassero a fare passi in quella direzione (o incoraggiare gli altri a farlo)?

Prendere l'iniziativa

Alcuni fattori noti come “fattori protettivi” possono agire come punti di forza per aiutare un individuo a resistere all’indottrinamento ed evitare di essere radicalizzato. Dal punto di vista della prevenzione, è importante concentrarsi sul consolidamento di tali fattori sia nella persona in questione che nel contesto in cui vive.

Storia di una radicalizzazione: "Non pensavo con la mia testa. Non ero me stessa"

Maysa, un’adolescente di Bruxelles, era un’appassionata di musica molto socievole e solare in classe. Ma un incontro sui social media l’ha cambiata nel giro di un anno.